La Milano dell’architettura, oltre Expo e l’alta moda

Una passeggiata nel capoluogo lombardo, tra esempi di gotico, romanico, barocco e liberty.

Se si pensa a Milano, balzano subito alla mente immagini di manager indaffarati, broker che urlano a Piazza Affari, modelle bellissime con vestiti da urlo, estrosi pubblicitari intenti a creare intriganti campagne di marketing. Certo, ora a tutto questo si affianca anche l’EXPO, il mega evento che per sei mesi invaderà la città e che si stima attirerà oltre 20 milioni di visitatori. Ma Milano ha molto altro da offrire, soprattutto per quanto riguarda l’architettura di chiese e palazzi, che spazia dal liberty al gotico, dal romanico al barocco. Tutti conoscono la maestosità del Duomo, in stile neogotico, la bellezza romanica della Basilica di Sant’Ambrogio, e l’eleganza del Castello Sforzesco, che fonde il gotico allo stile rinascimentale, ma a Milano c’è molto altro.

Ad esempio, a Milano lo stile Liberty trovò uno dei terreni più fertili per il suo sviluppo in Italia, al punto che Milano viene spesso indicata, insieme a Torino e Palermo, come la capitale italiana di questa corrente. Il “manifesto” artistico dell’Art Nouveau milanese è rappresentato da Palazzo Castiglioni, in Corso di Porta Venezia, costruito da Giuseppe Sommaruga tra il 1900 e il 1900, e che oggi ospita la sede dell’Unione Commercianti di Milano. Il palazzo presenta un basamento con bugnato grezzo che riprende le forme naturali della roccia, le altre decorazioni sono una ripresa dello stucco in perfetto stile settecentesco. Altri importanti esempi sono costituiti da Casa Laugier (edificato dall’architetto Antonio Tagliaferri tra il 1905 e il 1906 in corso Magenta 96) e da Casa Galimberti (progettato da Giovanni Battista Bossi tra il 1903 e il 1905, via Malpighi 3). Le aree della città più ricche di questo stile architettonico sono le zone tra Corso Venezia e Corso Monforte, e tra Corso Magenta e Parco Sempione, più qualche edificio nel centro storico e in zone più periferiche.

Palazzo Castiglioni
Palazzo Castiglioni, Corso di Porta Venezia, Milano

Poco distante dalla Stazione Centrale, all’incrocio tra via San Gregorio e via Ludovico Settala, si trova la chiesa dedicata a San Gregorio Magno, realizzata tra il 1903 e il 1908 dall’architetto Solmi, con il contributo degli architetti De Micheli e Poelli. L’esterno dell’edificio segue lo stile architettonico neoromanico, con paramento murario in mattoncini rossi ed elementi decorativi in pietra grigia. L’interno presenta un’unica grande navata, senza transetto, con abside poco sporgente, realizzata in stile neogotico con l’inserimento di elementi Liberty. Altri importanti esempi di architettura neoromanica sono costituiti dalla Basilica di Sant’Eustorgio, nell’omonima piazza, all’interno della quale si trovano anche i resti di un cimitero paleocristiano, la chiesa di San Cristoforo sul Naviglio, sull’alzaia del Naviglio Grande.

San Gregorio Magno,
San Gregorio Magno

Infine, terminiamo il breve tour con Santa Maria delle Grazie, una chiesa che riveste un ruolo di estremo rilievo non solo perché sede del Cenacolo di Leonardo, ma anche per la bellezza della sua monumentale tribuna, tradizionalmente attribuita a Bramante, sormontata dalla grande cupola e che illumina le  navate costruite dal Solari. La struttura presenta, inoltre, due ampie absidi laterali e una terza, oltre il coro, in asse con le navate. L’ordinata scansione degli spazi si riflette anche sulla facciata esterna, in un incastro di volumi che culmina nel tiburio che maschera la cupola, con una loggetta che richiama i motivi dell’architettura paleocristiana e del romanico.

Santa Maria delle Grazie
Santa Maria delle Grazie

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. La linea d'ombra ha detto:

    Che bell’articolo, l’ho letto con grande piacere 🙂 E buona giornata!

    "Mi piace"

    1. Grazie! Siamo contente ti sia piaciuto ^_^ Buona giornata a te!

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...